Recensioni
The Blues Against Youth – Pure at heart blues cd (Deer It Yourself Records, 2011)

Monday 28 November 2011


The Blues Against Youth è una one man gang composta dal solo Gianni TBAY, devoto di Hank Williams che gira il mondo saltando su e giù dalle locomotive in corsa e cantando e fischiettando e suonando contemporaneamente chitarra, cassa, rullante, snare drum. Dal vivo è una delle cose più fiche e coinvolgenti che abbia avuto modo di ascoltare di recente, tant’è che non appena mi è capitato a tiro (a Brigadisco il merito) l’ho ingaggiato immediatamente per una serata dove ci ha rotto il culo. Il suo repertorio – felicemente e dichiaratamente agli antipodi con le sonorità moderne degli sporchi giovani (se uno si definisce “Against Youth” dovrebbe pur dirvi qualcosa) – è un misto di country rock, delta blues e deliranti sermoni etilici che salgono su da un amplificatore sfondato e gracchiante. Roba che quando la ascolti in un ambiente fumoso avverti la presenza spettrale di Robert Johnson al bancone del bar.
Pure at heart bluesè il primo full-length del nostro. 10 tracce 10, i cui titoli dicono molto più di quanto ci sarebbe da sapere: cito “It must have been the devil”, “Miss another train” e “Tevere delta blues” tanto per farvici capire qualcosa. Una cover di “Long haired country boy” di Charlie Daniels e dei cameo congegnati ad hoc (Andrea Cruciali all’armonica e Margherita Patrignani alle back vocals) per un disco che sa di polvere e chilometri.

Ve lo consiglio come una fiala di chinino a un malarico. Semplicemente procurate, premete play e godetevelo, buttando via il libretto delle istruzioni.

[Simone]

Per contatti, o per avere il cd: www.thebluesagainstyouth.com




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=2080