Recensioni
CGB – L’un per cento cd (Autoprodotto, 2012)

Saturday 10 March 2012


Anteprima nazionale per il nuovo disco del leggendario combo old school italian hardcore di Imperia, granitico e inossidabile dagli anni ’80. I CGB – al secolo Crime Gang Bang – ci hanno dato più volte prova della loro intonsa attitudine, dall’ormai lontano 7’’ “Figli della rabbia, figli del dolore” alle prove più recenti (su tutte, segnalo “I giorni della merla”). L’un per cento, titolo più che evocativo se si pensa alla vecchia poesia/canzone di Leo Ferré, si apre con un insolito recitativo (“L’un per cento di tutto, l’un per cento di niente, stretti saldi a quell’uno, a quel per, a quel cento”), e subito parte in quarta con una tregenda di hardcore evoluto, a cavallo tra l’introspezione (“Fughe da fermo”, “Traiettorie”) e la denuncia sociale (“All’ombra della gru”, chiaramente incentrata sul lavoro nero e sullo sfruttamento degli immigrati correlato alla speculazione edilizia crescente).
10 pezzi 10 (5 + intro, outro e 3 bonus track), pregni di un sentimento disperato del tempo che passa e della necessità di tirare dritto e affrontarlo (“In fronte”, “Guardando i(n) frantumi”), perché “non c’è coraggio senza paura”. Degna di nota a sé, in questo senso, la ballata acustica “Tanita”, che mi ricorda i migliori Kina e che conferma la necessità di dire e dare dei CGB, prioritaria rispetto a qualsiasi cliché del genere e pronta a vestirsi di qualsiasi stoffa sonora pur di arrivare dritta al cuore dell’ascoltatore.

Per quanto ne sappia, i nostri sono ancora alla ricerca di coproduttori per “L’un per cento”, il che potrebbe rappresentare una chance servita sul piatto per voi volenterosi di contribuire alla causa del vero hardcore italiano: non ci pensate due volte e siate parte di un disco splendido.

[Simone]

Per contatti, o per prenotare il cd, scrivete a: robidc@hotmail.com




Questo articolo proviene da:
http://www.lamette.it

L'URL per questa news è:
http://www.lamette.it/modules.php?name=Live_News&func=LiveNewsView&nid=2120