Benvenuti su Lamette.it
Il portale/webzine più rozzo d´Italia sulla musica & sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani: contiene punk fetente!
[ Editoriali ] [ Articoli ] [ Recensioni ] [ Interviste ] [ Relics ] [ Coprophagus ] [ Blog ] [ Forum ]

  Menù della Lama
[ Home ]
[ Editoriali ]
[ Articoli ]
[ Recensioni ]
[ Interviste ]
[ Relics ]
[ Coprophagus ]
[ Blog ]
[ Forum ]
[ Calendario concerti ]
[ Links ]
[ Contatti ]
[ MP3/Downloads ]
[ Vocabolario ]
[ Archivio ]
[ Top 20 ]

  Ricerca nel Sito
news
commenti
eventi
links
 

  Sponsor della Lama
SOA Records/Oi! Strike
Randagi Rock Community
Sound Of The Street
Bloody Passion Tattoo
Latitudine 42 Comics & Games
Rave Up Vinyl Agency
Lamette Comics Blog
Blood '77
Killer Penis
Sponsor della Lama

  Old news
Recensioni: Colonna Infame SH – Dalla nostra parte Lp (Oi! Strike, 2013) (1)
Recensioni: Bufalo Kill – Be be bleah! cd (Yorpikus Sound, 2013)
Recensioni: Stigmathe – Fronte di nervi Lp (SOA Records, 2012)
Recensioni: Raise Your Pitch – Tutti Appesi demo-cd (Autoprodotto, 2012)
Recensioni: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) (1)
Recensioni: Whiskey Füneral - Whiskey Füneral cd (Full Speed Ahead Records, Tornado Ride Records, 2012)
Articoli: Kalashnikov – La città dell’ultima paura 12” picture (D.I.Y., 2013)
Recensioni: Golden Shower – The strange case of the Alaskan dragon breath cd (Area Pirata, 2013)
Interviste: Klaxon
Recensioni: Because The Bean – Indifferenza nera 7’’ (Bertani Dischi e Salami, United We stand, FFC Productions…, 2012)

Tutte le News

  Commenti
Cool di: sosoabram
cool di: sosoabram
Re: Luigi Bonanni (Centocelle City Rockers, Garçon Fatal) di: rightjobspk11
Re: Gola profonda (Deep throat, USA, 1972, col.) di Jerry Gerard (Gerard Damiano) di: rightjobspk11
Re: G. G. Allin (1956/1993) di: rightjobspk11
Re: Trade Unions – Acciaio salmastro e sudore cd (Still Standing Army, Red Sound 21, Bukowski Productions, Cardio Studios, 2011) di: rightjobspk11
Re: G. G. Allin (1956/1993) di: monica123
Re: G. G. Allin (1956/1993) di: monica123

Tutti i commenti

 
Pagina Stampabile Invia ad un amico Commenta

Editoriali Sunday 18 May 2014:
La voce del padrone 2014

Riflettevo sulla morfologia attuale di questa vecchia, storica e in fin dei conti da me amata 'zine, alla luce dei suoi quasi quindici anni di attività e quindi del suo eventuale successo o fallimento, o bisogno di una nuova pelle che si possa adattare ai cambiamenti intercorsi nell'insieme di interrelazioni e azioni sociali che ha rappresentato e che dovrebbe continuare a rappresentare, magari ritrovando prima di tutto un senso di appartenenza. Una necessità che mi viene fuori da una lunga serie di giri in lungo e in largo per lo stivale, programmati e realizzati individualmente dopo un periodo di relativa stasi, e dalla conseguente osservazione dall'interno (ma spesso anche dall'esterno) di tutto quello che in Italia ora viene indicato con la denominazione generica e riduttiva di underground: mostre, concerti, gruppi, dischi, persone, spazi, locali, pubblicazioni, circuiti, realtà, intenzioni. Il risultato è un casino variopinto che a stento riesco a definire, ma che proprio mal si coniuga con l'immagine di Lamette ridotta a Lucciola-blog dove Simone vi parla dei dischi che altri gli danno da ascoltare quando lo incontrano, o che gli mandano per posta tante etichette che – a prescindere dalla bontà maggiore o minore o nulla di quello che producono – considerano questo spazio come un ufficio stampa de noantri a cui mandare press kit, promo e newsletter per un riscontro tardivo e di basso profilo, ma meglio di un calcio nelle palle. Tanto per cominciare, in una dinamica del genere rilevo un grande assente: il perché. Allora provo a mettercelo io, con una serie di punti interrogativi a seguire. Perché, perché, perché?

– Perché fare musica dove non c'è urgenza di farla? E mi rivolgo a tutte le band che incidono dischi privi di qualsivoglia messaggio o spinta compositiva, sul modello pedissequo di quello che tira al momento da qualche parte del mondo. Aggiungerei anche che spesso e volentieri ai concerti manca il pubblico: non c'è nessuno ad ascoltare perché sono tutti al bar o hanno tutti una band perché sembra un obbligo averne una e passare il tempo ad autoascoltarsi. Anche se non si ha attitudine, spinta, input, continuità, perseveranza, ricerca di sorta. Anche se non c'è nessuno – dico nessuno – che ti segue. Poi le due facce della medaglia. Testa: adesso come adesso registrare un disco è alla portata di tutti, e c'è sempre chi può permettersi di suonare gratuitamente e a proprie spese ovunque, perché di fatto vuole sostenere l'autoproduzione musicale con animo nobile. Croce: sempre di fatto, però, la suddetta autoproduzione è AFFOSSATA dall'intasamento di gruppi disponibili e disposti a tutto pur di esibirsi, convincendo sempre di più i promoter che la musica indipendente non va pagata ma sfruttata per riempire a costo zero le sale bar di gente che consumi. E il pubblico che una banda vale l'altra, a meno che non sia famosa e dunque valga la pena di pagare un pedaggio costoso per entrare, magari in ultima analisi di ascoltarla, 'st orchestrina, che cara ci è costata...

– Perché mettere su un'etichetta per produrre dieci, venti, trenta, cinquanta gruppi tutti uguali e tutti ugualmente inutili? Perché vi piacciono realmente o per fare vasto catalogo? E perché poi gettonare in modo integralista solo ed esclusivamente quello che risponde ai canoni standard di un determinato genere (senza esclusione di colpi per la musica sperimentale o punk-sperimentale, che sembra essere a sua volta un genere)? Che ne viene fuori, da tutte 'ste fiches puntate alla cecata? Più voci oltre alla mia mi dicono: dischi su cui si è investito poco o nulla, per rilevare quattro copie che non verranno MAI distribuite, perché MAI – o solo nelle grandi occasioni – usciranno dagli scatoloni degli scantinati dei producers. Queste moderne cripte al valore.

– Perché scrivere e impaginare delle fanzine in modo assolutamente autistico – ben sapendo che non dureranno più di uno o due numeri o che nella migliore delle ipotesi cambieranno trenta volte il nome vecchio con un altro più paraculo – quando un collettivo potrebbe fondare una testata duratura, raccogliere una cassa che consenta qualcosa di meglio delle fotocopie, contemplare una ripartizione dei compiti, assolvere a un fine sociale, estetico e multimediale? Problemi di contenzione dell'ego o incapacità di trovare una linea editoriale condivisibile con altri esseri umani (dunque problemi di contenzione dell'ego)? E poi, perché le webzine punk sono quasi tutte defunte e io mi ritrovo quasi solo come uno stronzo a sproloquiare da vu vu vu punto Lamette punto it?

– Perché sono tutti appassionati maniacali di autoproduzione, ma poi gli unici articoli autoprodotti che si vendono attualmente sono le serigrafie su t-shirt, i tatuaggi a colori e le stampe da appendere in camera? Un tempo erano tutti brutti, sporchi e cattivi: oggi tutti gagà?

Mi fermo qui perché può bastare, e vado a chiudere sul personale. Questo è un grido di dolore, bastardi: c'ho quasi trentasei anni, devo lavorare per vivere, provo a tenere il piede in mille staffe ma davvero, non c'ho tempo, modo e voglia di ascoltare tutto; non ne so neanche abbastanza di musica da dire qualcosa di intelligente su tutto quello che arriva allo stereo e non mi s'impila. A volte faccio girare il disco e dico “Boh!”, sfoglio le pagine e dico “Mah!”, mi metto alla tastiera da solo e dico “Che palle!”. Nel 2001 immaginavo una redazione, una barca di collaboratori, una casa piena di gente, un mare tutto fresco di colore. Davvero, o si cambia pelle o mi romperò le palle. Allittera pure.

Vediamo cosa ci riserverà il futuro, nel presente magari riflettete. Qualche mezza idea da accompagnare alle critiche alla mia – non lo so, butto a caso – frustrata, brontolante e ormai attempata persona che ha scassato 'o cazz. Così, pourparler.

[Simone]




Commenti:

Cool
http://www.gamzzzergossip.net/
[url=http://www.gamergozzssip.net/]http://www.gamzzzergossip.net/[/url]

25/10/2016 di: sosoabram

 
  Fototeca
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006
Crack! 2006 - Fumetti Dirompenti / Vinavyl - Omaggio a Stefano Tamburini - Forte Prenestino, Roma, 08-11/06/2006


  Calendario Concerti

Tutto il Calendario

  Sostieni la Lama

  Gemelli Tossici
TeleFree.iT
City Of The Dead
Cultura Elettronica
Il Tropico Del Garigliano

  Sondaggi
Cosa pensi della nuova sezione MP3/Downloads?

Era l'unico vero deficit di Lamette. Ora non più.
Era ora di aggiornarsi, tutti hanno i free album.
I free album di Lamette sono i più fichi di tutti.
Non ne sapevo un cazzo, corro a mandarvi il mio!
Non scarico MP3, i dischi o li compro o li ignoro.



Risultati
Sondaggi

Voti: 44
Commenti: 64

  Cronologia della Lama
Saturday 24 June 2017
oggi nel 1984: Secondo raduno hardcore romano organizzato da Straightedge fanzine. In scaletta: Nighters, High Circle, Die Cop, Gang Of Rats, Bloody Riot e Raw Power.


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.038 Secondi